Seleziona una pagina
I migliori microfoni per reflex

I migliori microfoni per reflex

La maggior parte delle fotocamere reflex è dotata di un microfono interno, ma di una qualità piuttosto limitata. Quindi, per avere il miglior risultato, è consigliabile acquistarne uno esterno. Difatti, indipendentemente dal tipo di video che si vuole girare (una clip musicale, un documentario o un video amatoriale), la qualità del suono può fare la differenza.

Come scegliere il microfono più adatto

La prima cosa da tenere in considerazione nella scelta è che cosa si vuole realizzare e quindi quali sono le proprie necessità. Quindi, ci si può orientare verso quelle che sono le tipologie più diffuse, ossia il modello shotgun, lavalier e gelato. Lo shotgun è tra i più utilizzati in assoluto, si posiziona sopra la fotocamera ed è efficace in ogni situazione. Quello lavalier, che si aggancia sugli abiti vicino alla bocca di chi parla, può essere con o senza filo ed è la scelta ideale nel caso in cui serva catturare del suono da una fonte sonora molto ravvicinata. Infine, il gelato è il classico microfono da tenere in mano ed è in grado di catturare il suono di fronte, senza rumori di fondo. Naturalmente, altri aspetti da considerare sono il budget, considerando che i microfoni hanno un costo che va dai 50 € ai 300 € in su, e gli accessori di cui si potrebbe avere bisogno.

Modelli in commercio

Tra quelli più utilizzati c’è il modello Rode VideoMic Pro, uno shotgun ultra compatto, non sovrasta la fotocamera, è leggero e ha un’autonomia di circa 70 ore. Include una copertura antivento ed è perfetto per registrare dialoghi provenienti dal lato frontale. In alternativa, l’Audio-Technica ATR3350, tra i migliori microfoni lavalier in mercato, ha un prezzo accessibile, pesa solo 6 grammi e ha una risposta in frequenza dai 50 ai 18000 Hz.

I migliori flash per le Canon 1300d

I migliori flash per le Canon 1300d

Quando si parla di prodotti Canon, ci si riferisce sempre ad articoli di grande qualità e dalle prestazioni ottimali. Insomma acquistarne uno è sempre una garanzia. Come lo è, ad esempio, la fotocamera Canon 1300d, grazie alla quale si possono scattare foto di qualità reflex e realizzare filmati in stile cinematografico, con la fotocamera da 18 megapixel. Permette di catturare momenti memorabili, anche in condizioni di scarsa luminosità, e di creare dei ritratti, mettendo in risalto i soggetti inquadrati su sfondi leggermente sfocati. Infine, grazie al processore di cui è dotata, questa fotocamera riesce a riprodurre dettagli, colori e contrasti così come sono nella realtà. Come ogni fotocamera che si rispetti, anche per la Canon 1300d il mercato offre molteplici accessori, tra cui il flash esterno, sempre utile e anche vantaggioso.

Modelli di flash compatibili

Tra tutti i flash per le fotocamere digitali Canon, il migliore su tutti è lo Speedlite 600EX II-RT.  Dotato di trasmissione radio e ottica integrate, ha una testa orientabile che ruota di 180° a destra e sinistra, 90° verso l’alto e 7° verso il basso. Inoltre, può controllare fino a 5 unità flash compatibili. Per chi invece si sta avvicinando al mondo della fotografia, c’è il flash Neewer NW-561 Speedlite, che si ricarica in meno di 3 secondi, ha 8 output diversi, ha un angolo di rotazione verticale da 7 a 90 gradi e orizzontale da 0 a 180. A ciò si aggiunge la modalità di risparmio energetico, per le lunghe sessioni fotografiche.

Fascia di prezzo dei flash

Da Giordano Innovations si possono trovare flash per le fotocamere Canon per ogni fascia di prezzo. Si può partire dai 100 €, con i modelli dalle caratteristiche di base, ai 600 € e più, per quelli da veri professionisti. Adesso che conosci le caratteristiche dei flash per le Canon 1300d, puoi scegliere quella perfetta per le tue esigenze.

Come scegliere il radiomicrofono per le videoriprese

Come scegliere il radiomicrofono per le videoriprese

Quando si parla di fotografia, si pensa immediatamente allo scattare foto con una macchinetta fotografica o, come più spesso accade negli ultimi anni, con uno smartphone. In realtà dietro questo termine c’è un vero e proprio mondo, in cui si può inserire anche tutto ciò che riguarda la videoripresa. Quindi non solo singoli ricordi immortalati in un determinato momento, ma anche un intero periodo di tempo. Naturalmente, anche nella produzione di video ci sono dei criteri da seguire, sia in termini di tecnica che di accessori, per ottenere risultati ottimali. Tra gli strumenti più importanti da impiegare c’è il radiomicrofono, dato che, oltre all’immagine, anche il suono è fondamentale dal punto di vista della comunicazione. Quindi come scegliere quello più adatto?

La scelta del radiomicrofono più adatto

Un primo elemento da prendere in considerazione è la tipologia di sorgente sonora che verrà ripresa. In riferimento a ciò esistono due tipologie di microfoni: quelli del tipo a condensatore e quelli dinamici. La differenza tra i due sta nella modalità con cui il sensore trasforma la variazione di pressione acustica in un segnale elettrico. Inoltre, i microfoni presentano anche una diversa “direzionalità”, ossia ciò che permette a un microfono di essere sensibile alla pressione sonora solo in un determinato spazio e direzione.

Tipologie di microfoni

Una volta stabilito che tipo di audio verrà ripreso (parlato, musica, effetti ambientali), è fondamentale la scelta del microfono che si utilizzerà, scegliendo tra un microfono stereo o mono. L’utilizzo del microfono stereo è consigliato per le riprese video di grandi eventi (concerti). Mentre se si vuole riprendere la conversazione di personaggi al centro della scena, oppure isolare l’audio di un determinato soggetto presente nel campo di ripresa, allora la scelta deve ricadere sicuramente su un modello del tipo mono.

 

Come migliorare l’audio nelle videoriprese: il registratore digitale

Come migliorare l’audio nelle videoriprese: il registratore digitale

Il registratore digitale è uno strumento che sicuramente tutti hanno usato almeno una volta nella loro vita, non solo in ambito prettamente professionale, ma anche in altri tipi di attività. Si preferisce questo dispositivo ad altri proprio perché garantisce un livello di qualità piuttosto elevato, è in grado di procedere a fare delle registrazioni molto fedeli all’audio originale e offre una vasta gamma di opzioni molto utili. Inoltre è molto importante sottolineare che, soprattutto i registratori digitali più moderni, hanno una notevole compatibilità con software di trascrizione sotto dettatura e non è da poco (sarebbe poco conveniente trascrivere a mano ore di conferenze o interviste!). Quindi è sempre conveniente averne uno a portata di mano.

Perché è cosi vantaggioso avere un registratore digitale?

Il primo vantaggio in assoluto riguarda proprio le sue dimensioni, e quindi il suo essere portatile, senza problemi, anche in una tasca. In secondo luogo, risulta essere anche molto semplice da utilizzare. Inoltre, non è necessario collocare il registratore molto vicino alla fonte sonora. Difatti, è possibile registrare anche a una certa distanza in maniera chiara e precisa, grazie al microfono di cui è dotato che è ben più sofisticato di quelli presenti sugli attuali smartphones. A tutto ciò, si può aggiungere anche il fatto che, con alcuni modelli, è possibile collegare altri elementi utili (microfoni, cuffie), sfruttando al meglio le sue capacità e potenzialità.

Altri fattori da tenere in considerazione

Con questo tipo di prodotto, è bene affidarsi ai brand maggiormente noti (come Sony, Philips e Olympus) per essere sicuri di acquistarne uno dagli alti standard qualitativi. Stesso discorso si potrebbe fare per quanto riguarda il prezzo. Con un costo che si aggira tra i 60 e i 160 euro si possono acquistare degli ottimi registratori digitali, delle migliori marche.